Se da un lato bisogna ammettere che stirare è davvero noioso, dall’altra bisogna anche dire che l’arrivo della stiratrice verticale nel mercato ha un po’ rivoluzionato tutto.

Si sente tanto parlare di come sia possibile eliminare totalmente il ferro da stiro e di come sia possibile evitare di stirare anche il più difficile dei tessuti.

La verità, però, è che non si può smettere totalmente di stirare, ma si può rendere il tutto più semplice, veloce e, perchè no, anche divertente.

Non staremo qui a dirti qual è la stiratrice verticale migliore in commercio, ma ci teniamo a dirti, invece, se vale la pena acquistarla o meno.

Le cose da dire non sono poi molte, ma sono tutte fondamentali.

Stiratrice verticale: caratteristiche e vantaggi

Per quanto si dica che stirare sia semplice ed un’azione alla portata di tutti, la verità è che serve una certa accuratezza, ed anche una certa pratica.

Certo è che al giorno d’oggi esistono ferri da stiro e strumenti altamente avanzati che facilitano di gran lunga lo stirare, ma senza dimestichezza ed attenzione è più probabile fare danni che avere buoni risultati.

Ed allora che fare? Rinunciare ed accettare il fatto di avere sempre vestiti sciupati?

Assolutamente no.

Partiamo dal presupposto che stirare è importante per diversi motivi:

  • estetica
  • cura del tessuto
  • maggiore durata del capo d’abbigliamento

Insomma, stirare non significa solo avere un aspetto curato ma significa anche avere la sicurezza che i tuoi vestiti durino più a lungo.

Ma queste stiratrici verticali possono davvero essere un vero alleato o è solo la moda del momento? È ora di scoprirlo.

Cos’è la stiratrice verticale?

La stiratrice verticale altro non è che un elettrodomestico che ha la funzione di stirare, per l’appunto.

È formata da un serbatoio di acqua, da un’asta e da un erogatore che può avere la forma che assomiglia ad un ferro da stiro oppure ad una spazzola.

Grazie a questa sua struttura potrai stirare i tuoi capi d’abbigliamento appesi facilitando di gran lunga tutta l’operazione.

Quali sono i vantaggi di una stiratrice verticale?

Già analizzando la struttura di questo comodo elettrodomestico potrai aver compreso in parte un po’ dei vantaggi che puoi trarre dal suo utilizzo:

  • possibilità di stirare in posizione eretta evitando così posizioni scomode e curvature strane della schiena;
  • maggiore facilità dello stiraggio visto che potrai sfruttare la forza di gravità del peso dell’indumento appeso per eliminare più facilmente le pieghe;
  • meno stanchezza di spalle e braccia;
  • meno spazio occupato in casa.

Insomma sono davvero tanti i pro che dovrebbero portarti a scegliere una stiratrice verticale.

In particolar modo, per esempio, ti vogliamo far presente come possa essere decisamente più semplice stirare una camicia con la stiratrice verticale.

Infatti, ti basterà appendere la camicia sulla gruccia dell’asta ed usare l’erogatore per stirare il tutto in modo veloce, semplice e senza il crearsi di fastidiose pieghe e segni.

Come scegliere la giusta stiratrice verticale?

Partiamo dal presupposto che molto dipende anche dall’utilizzo che andrai a farne e da quali sono le tue reali necessità.

In linea generale, comunque, una buona stiratrice verticale dovrebbe avere le seguenti caratteristiche:

  • potenza che va per lo meno da 1200 a 1500 watt;
  • capacità del serbatoio di minimo 200 ml. Se solitamente hai una grande quantità di vestiti da stirare opta per una capacità ancora maggiore così da evitare attese inutili;
  • getto del vapore che dovrebbe essere per lo meno di 45 grammi al minuto.

In conclusione possiamo dire che acquistare una stiratrice verticale potrebbe essere davvero una cosa più che saggia.

Praticità, maggiore velocità, risparmio di tempo, risparmio di acqua, risparmio di spazio.

Cosa desiderare di più?